Carrello vuoto
 x 

Politica economica e monetaria dell'Unione europea

Sottotitolo
Procedura legislativa e ruolo delle istituzioni
Autori
A. Damato, P. De Pasquale (a cura di)
ISBN
978-88-6342-859-9
N. Pagine
192
Anno Pubbl.
2016
Collana
Studi e Documenti di Diritto Internazionale e Comunitario
Numero
72
Materia
Diritto internazionale
Product ISBN:  978-88-6342-859-9
20,00 €
Base price 20,00 €
Modificatore prezzo variante:
Discount

Il presente lavoro raccoglie i risultati della ricerca PRIN 2010-2011 “Il principio democratico nella formazione ed attuazione del diritto internazionale ed europeo dell’”economia”.

Esso esamina il ruolo che le istituzioni europee si sono viste attribuire a seguito della crisi del debito sovrano, del 2008, con particolare attenzione al rispetto del principio democratico nell’adozione degli atti nell’ambito dell’unione economica monetaria.

Partendo dall’importante funzione di coordinamento e di impulso del Consiglio europeo, l’articolazione segue poi l’iter procedurale ordinario; in tale ottica, sono analizzati: i) la Commissione con il suo potere di proposta e, altresì, di vigilanza; ii) il Consiglio (Ecofin) ed il Parlamento europeo, quali colegislatori dell’UE; iii) i parlamenti nazionali, ai quali un ruolo importante è stato attribuito sia, come noto, dal Trattato di Lisbona sia dagli atti adottati per rafforzare la governance europea; iv) la BCE che svolge un ruolo di primo piano nell’elaborazione e nell’attuazione della politica monetaria. Attenzione è poi dedicata al controllo ex post che la Corte di giustizia può essere chiamata ad effettuare sul rispetto del principio democratico nel settore in esame, senza mancare di tracciarne possibilità e benefici per i singoli, così come i limiti dovuti alla natura internazionale degli accordi in materia economica considerati (MES e Fiscal Compact) e/o alla natura spiccatamente tecnocratica delle scelte economiche.

I lavori sono accomunati da un quesito di base e da una risposta più o meno comune. Quanto al quesito, i diversi autori si sono chiesti se il rafforzamento della governance economica sia stato e continui ad essere effettivamente caratterizzato da un grave deficit democratico, come ritiene parte della dottrina e dell’opinione pubblica. La risposta, motivata in relazione ad ogni singola istituzione, mette in evidenza che tale deficit è stato spesso utilizzato per attribuire alle istituzioni dell’Unione, soprattutto a quelle “tecniche” (Commissione e BCE), la “colpa” di politiche di austerità, senza il consenso delle istituzioni democratiche (in particolar modo i parlamenti). Ma, l’esame della legislazione e della prassi dimostra, almeno nella maggior parte dei casi, il contrario.

There are yet no reviews for this product.

Agenda 2018

Vetrina

La questione meridionale dell'università

di Mauro Fiorentino

Novità

 

 

Rivista online

informazioni

Contatti e info