Carrello vuoto
 x 

La città come spazio politico

Sottotitolo
Tessuto urbano e corpo politico: crisi di una metafora
Autori
Giulia Maria Labriola (a cura di)
ISBN
978-88-6342-999-2
N. Pagine
LIV-814
Anno Pubbl.
2016
Collana
Pensiero giuridico e politico - Saggi
Numero
31
Materia
Filosofia del diritto
Product ISBN:  88-6342-999-2
62,00 €
Base price 62,00 €
Modificatore prezzo variante:
Discount

Il tema della città come spazio politico ha conseguito un fil rouge pressoché ininterrotto, nella storia della cultura. Fin dalle sue più remote origini, ha alluso al desiderio insopprimibile dell'uomo di provvedersi di un insediamento, costruire una comunità, regolare la vita attraverso gli istituti della famiglia, le relazioni sociali e le forme del diritto.

L'età contemporanea rappresenta, da questo punto di vista, una fase del cammino della città nella storia, con alcune caratteristiche che la rendono meritevole di un serio ripensamento. In una condizione di vita quale sembra essere quella tipica della nostra tarda modernità, improntata all'immaterialità, alla de-localizzazione e al contempo alla straordinaria interconnessione, le città rappresentano un punto di intersezione fra concezione tradizionale dello spazio e flussi reticolari di dati, informazioni, interessi e pretese. Il socius dell'era globalizzata (o, come sembra giunto il momento di dire, post-globalizzata) è insediato nella dimensione urbana a diversi livelli, vive all'interno di uno spazio che costituisce oggi un nucleo di territorialità che appare sostanzialmente dissipato in altri contesti, ma non si esime dall'aprirsi alla complessità del globale nel quale pure abita. In una frizione evidente, le forme tradizionali della vita urbana si trovano a ospitare nuovi discorsi, nuove pratiche, nuovi diritti: diventa sempre più necessaria una riflessione plurale intorno a questi fenomeni, che hanno il loro fulcro in un concetto di cittadinanza di straordinaria ricchezza e complessità.

Nel volume che qui si presenta, l'idea che lo spazio urbano sia uno spazio politico riposa sulla convinzione che la politicità del fatto urbano consista nella pluralità dei registri che esso esprime, e che dunque competa alla polis forgiarne il nuovo lessico. Anche per questa ragione, la riflessione animata in queste pagine si avvale dei contributi di studiosi che provengono da discipline diverse, portatori di saperi specialistici ma non refrattari al confronto fra le rispettive visioni della città del XXI secolo.

Sulla base di queste brevi considerazioni, si può dire che in questo lavoro trovi una sua forma di espressione il concetto di comunità di ricerca che la nostra Università esprime, da alcuni secoli, anche attraverso una presenza profonda, attiva e dialogante nella e con la città cui appartiene. Il senso del radicamento nel territorio e l'apertura ineludibile alla complessità del mondo globalizzato nutrono quotidianamente la nostra vocazione istituzionale e consentono, in un certo senso, di associare le città e le Università in questo destino comune. Non casualmente, il nostro Ateneo sorge all'interno del nucleo cinquecentesco di una cittadella monastica: nutrita delle radici della propria identità, ben aperta all'esterno e al futuro.

(dalla Prefazione di Lucio D'Alessandro)

There are yet no reviews for this product.

Agenda 2019

Vetrina

La questione meridionale dell'università

di Mauro Fiorentino

Novità

 

 

Rivista online

informazioni

Contatti e info